Versioni alternative: dimensione testo
ISTITUTO COMPRENSIVO FOSSANO A
ISTITUTO COMPRENSIVO FOSSANO A
sabato 05 ottobre, 2019
GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA SUL SENTIERO DEL PASTORE PER I “PRIMINI” DELLA SCUOLA MEDIA DI VIA DANTE
immagine

Martedì 1 Ottobre si è svolta la tradizionale giornata dell'Accoglienza che ha coinvolto le classi Prime della Scuola Media Dante dell' I.C. FOSSANO A. La novità assoluta di quest'anno è stata l’inaugurazione della Joelette Wheelchair (carrozzina fuoristrada con una ruota unica che, trainata anteriormente e spinta posteriormente, permette di percorrere strade sterrate e sentieri) di proprietà del Consorzio Monviso Solidale con una ragazzina  allegramente accompagnata dai suoi 107 compagni, dagli insegnanti, dal Presidente sezione CAI Fossano Michele Colonna e dalle guide CAI del Gruppo di Lavoro Sentieri Beppe Rulfo e Gianni Debernardi. 

Le guide ci hanno accompagnati lungo il tragitto che dal Sentiero del Pescatore confluisce in quello del Pastore: partiti a piedi dalla nostra scuola di via Dante, percorso il viale Mellano, imboccata la discesa di via Salmour lungo l’acciottolato, ci siamo avventurati dalla cappella di San Lazzaro lungo la sponda sinistra dello Stura fino a risalire alla chiesetta di via San Michele.

Il suggestivo percorso naturalistico, la giornata mite dal cielo terso, le istruttive lezioni a tutto campo offerte dal poliedrico Beppe Rulfo hanno reso splendida la mattinata e alleviato la fatica del cammino.

Noi insegnanti e alunni di Via Dante orgogliosi di aver tenuto a battesimo la Joelette ci sentiamo in dovere di esprimere un particolare ringraziamento al Presidente della sezione CAI di Fossano Michele  Colonna che, grazie alla sua passione e alla sua competenza  ha intuito la ricchezza e le possibilità di sviluppo del progetto regionale “Una montagna per tutti” dando così la possibilità di usare tale ausilio anche in pianura, su sentieri del territorio fossanese e del Parco dello Stura che diventano così accessibili anche per chi non li può affrontare sulle proprie gambe.

Nino Marzovillo